Tag Archives: 29

RIPROPONIAMO AI NOSTRI LETTORI IL VENTINOVESIMO EPISODIO DI SUPERMEGABOY!

supermegaboy - episodio 29 - Facundo AdalbertoEra una notte di metà autunno a Firenze City, quando Supermegaboy e Adalberto Nabucco se ne stavano spalla contro spalla nella penombra del negozio di animali di Black Apopi, ‘E adesso, cari amici miei’ esclamò la cassiera vestita da pesce rosso ‘O mi raccontate subito cosa accadrà stasera al povero Gozzallo, o toglierò il cappuccio all’Arpax tarzanellus, che vi attaccherà! Non appena comincerà a trasportare nel vostro deretano foglie secche e bastoncini per costruirsi il nido, sono sicuro che parlerete…’, ‘Ah, aspetta!’ urlarono i due istintivamente lanciandosi spalle al muro ‘Noi non c’entriamo niente con questa storia, è stata un’idea di Brutus Dexter e del sindaco Maramao Babonzi e anche del Diabolico Rufus’, a quei nomi Black Apopi sussultò, ‘Il giubbottaio di San Lorenzo? Ma non era in galera per le esplosioni delle suore?’, ‘Anche noi lo credevamo’ disse il genio informatico ‘ma quelle menti diaboliche di Dexter e Babonzi sono in grado di fare qualsiasi cosa per attuare i propri loschi piani!’, ‘Se scopro che mi state prendendo in giro…’, ‘No, è la verità!’ esclamò Supermegaboy, ‘Uhm, d’accordo, per ora la nostra discussione finisce qua, tra pochi minuti comincerà lo spettacolo di Gozzallo, devo andare’ ribatté Black Apopi e con un veloce gesto della mano indossò un lungo cappotto nero, ‘Ma che vuoi fare? Non puoi fermare da sola Dexter e Babonzi, è troppo pericoloso, se vuoi possiamo venire con te e…’ disse Adalberto e fece il gesto di andarle incontro, ‘Fermati!’ urlò la supereroina mascherata ‘Io lavoro da sola. E non ho bisogno dell’aiuto di nessuno’ quindi afferrò una gabbia da cui uscì un gattino rosa peloso ‘Io adesso vado a salvare Gozzallo, da sola, poi tornerò qui e mi occuperò anche di voi…’ esclamò Black Apopi ‘E se volete un consiglio, quando uscirò dal negozio non provate a fuggire, vi conviene rimanere lì fermi, altrimenti Briciola potrebbe arrabbiarsi’, ‘E chi sarebbe Briciola, quel micetto?’ chiese ridendo Leggi tutto →

supermegaboy - episodio 29 - Facundo AdalbertoEra una notte di metà autunno a Firenze City, quando Supermegaboy e Adalberto Nabucco se ne stavano spalla contro spalla nella penombra del negozio di animali di Black Apopi, ‘E adesso, cari amici miei’ esclamò la cassiera vestita da pesce rosso ‘O mi raccontate subito cosa accadrà stasera al povero Gozzallo, o toglierò il cappuccio all’Arpax tarzanellus, che vi attaccherà! Non appena comincerà a trasportare nel vostro deretano foglie secche e bastoncini per costruirsi il nido, sono sicuro che parlerete…’, ‘Ah, aspetta!’ urlarono i due istintivamente lanciandosi spalle al muro ‘Noi non c’entriamo niente con questa storia, è stata un’idea di Brutus Dexter e del sindaco Maramao Babonzi e anche del Diabolico Rufus’, a quei nomi Black Apopi sussultò, ‘Il giubbottaio di San Lorenzo? Ma non era in galera per le esplosioni delle suore?’, ‘Anche noi lo credevamo’ disse il genio informatico ‘ma quelle menti diaboliche di Dexter e Babonzi sono in grado di fare qualsiasi cosa per attuare i propri loschi piani!’, ‘Se scopro che mi state prendendo in giro…’, ‘No, è la verità!’ esclamò Supermegaboy, ‘Uhm, d’accordo, per ora la nostra discussione finisce qua, tra pochi minuti comincerà lo spettacolo di Gozzallo, devo andare’ ribatté Black Apopi e con un veloce gesto della mano indossò un lungo cappotto nero, ‘Ma che vuoi fare? Non puoi fermare da sola Dexter e Babonzi, è troppo pericoloso, se vuoi possiamo venire con te e…’ disse Adalberto e fece il gesto di andarle incontro, ‘Fermati!’ urlò la supereroina mascherata ‘Io lavoro da sola. E non ho bisogno dell’aiuto di nessuno’ quindi afferrò una gabbia da cui uscì un gattino rosa peloso ‘Io adesso vado a salvare Gozzallo, da sola, poi tornerò qui e mi occuperò anche di voi…’ esclamò Black Apopi ‘E se volete un consiglio, quando uscirò dal negozio non provate a fuggire, vi conviene rimanere lì fermi, altrimenti Briciola potrebbe arrabbiarsi’, ‘E chi sarebbe Briciola, quel micetto?’ chiese ridendo Leggi tutto →