Monthly Archives: febbraio 2017

RIPROPONIAMO AI NOSTRI LETTORI IL SESSANTESIMO EPISODIO DI SUPERMEGABOY!

Supermegaboy legge il giornale degli annunci: vuole cercare un lavoro per guadagnare dei soldi e potersi comprare il biglietto aereo per Firenze City.

“Cercasi pizzaiolo italiano” Ecco, forse questo è il lavoro che fa per lui. “Non sono pizzaiolo, ma sono italiano” pensa.

All’inizio i pamploni o pamplini lo accolgono con simpatia e grosse risate: “Ver este idiota vestido como un payaso”

Ma poi a causa della lingua cominciano i primi problemi: “La proxima vez que te equivocas, hornear la pizza en sus manzanas, imbécil”

Anche gli altri cuochi non gli rendono la vita semplice. “Ahora de damos a beber agua del inodoro”

E perfino i lavapiatti non l’hanno preso in simpatia. “Mantenerlo firme que puso un petardo en el culo”

A tutto questo va aggiunto che Supermegaboy è sì italiano ma non sa impastare la pizza. “Ma come diavolo si fa...”

E così alla fine viene licenziato. “La puerta està ahì, idiota. Desaparecer de mis bolas!”.

Triste e solitario, Supermegaboy vaga per le strade pamplone o pampline. Adesso chi salverà la Terra?

 

RIPROPONIAMO AI NOSTRI LETTORI IL CINQUANTANOVESIMO EPISODIO DI SUPERMEGABOY!

Guendalina Mistery è bloccata all’aeroporto di Bangkok.

Adalberto Nabucco è a Oslo a parlare del ripopolamento degli ungulati.

Chi potrà allora salvare la Terra dal terribile Brutus Dexter?

“Lo farò io” dice Supermegaboy, che si trova a Pamplona. “Ma come faccio a tornare a Firenze City?”

Supermegaboy non ha soldi per comprare il biglietto dell’aereo perché nelle tute da supereroi non ci sono tasche.

Sale di nascosto su un treno, ma viene subito sgamato e ributtato a terra dalla gendarmeria pamplonese o pamplina.

Prova a fare l’autostop sulla statale Pamplona-Saragozza, ma non si ferma nessuno.

Prova a chiedere l’elemosina suonando, ma nessuno apprezza il suo stile.

“Basta!”. Supermegaboy decide alla fine di seguire la via della legalità e guadagnare i soldi con un lavoro onesto.