Daily Archives: 11 luglio 2016

RIPROPONIAMO AI NOSTRI LETTORI IL TRENTUNESIMO EPISODIO DI SUPERMEGABOY!

Era una notte di metà autunno a Firenze City, quando all’interno del negozio di animali di Black Apopi, Adalberto Nabucco posò una mano sulla spalla di Supermegaboy ‘Caro amico, è un’impresa difficile ma so che puoi farcela. E io naturalmente sarò con te. Ma solo spiritualmente, purtroppo, perché devo assentarmi qualche minuto’, ‘E dove devi andare?’ chiese Supermegaboy che teneva fra le mani la gabbia col Criceratopus penis e le briglie con il lama, ‘Dove devo andare? Ma in quell’armadio, naturalmente. E non è perché abbia paura di questi animali, di essere azzannato, castrato o di ritrovarmi un nido nel deretano, figurati… è solo perché io, ehm… cioè, devo… sì, ecco! Devo fare una telefonata e mi sono accorto che UIND prende solo lì dentro!’, e così gli dette un’altra pacca sulla spalla e si sistemò dentro l’armadietto, richiudendo le ante, ‘Forza amico, il nostro destino e quello dell’intera città di Firenze City è nelle tue mani’ si sentì ancora la voce del genio informatico provenire ovattata da dentro il mobile, e fu così che Supermegaboy deglutì, poi chiuse gli occhi ed esclamando un ‘chediocelamandibuona’ fece scattare la serratura della gabbia col Criceratopus penis e la lanciò verso un alberello su cui sonnecchiava l’iguana, e già la piccola gattina Briciola cominciava a supermegaboy episodio 31 gozzalloguardarsi intorno con gli occhi rosso fuoco e l’Arpax tarzanellus a sbattere le ali, quando il cricetone fu sbalzato fuori dalla gabbia e sguainò le mascelle azzannando con forza la coda del povero iguana, il quale saltò in aria andando ad abbracciare lo scoiattolone che si dondolava Leggi tutto →