Monthly Archives: ottobre 2015

supermegaboy - episodio 68

Era una notte d’inizio autunno a Firenze City, quando Supermegaboy arrancava lungo il muro dell’Old Palace alla ricerca di un pertugio da cui accedere. Intanto, sulla balconata sottostante, uscirono le due guardie addette alla sicurezza che rimasero sbalordite a vedere la luna piena. «Guarda, è notte, te l’avevo detto che qualcosa non tornava» fece uno. «Uhm, e giù in piazza non vedo nessun corteo storico» fece l’altro. Poi si accesero una sigaretta – perché solo nei film americani è vietato fumare, mentre qui no – e si grattarono la testa. «Forse è rotto il monitor» fece uno. «Uhm, può darsi, ma credo comunque che sia il caso di avvertire il capo» fece l’altro, che aveva più anni di esperienza sulle spalle e non era uno sprovveduto. Intanto però Supermegaboy continuò la sua scalata e raggiunse finalmente una finestrella. «Ah, era l’ora! Leggi tutto →

Supermegaboy - episodio 67Era una notte d’inizio autunno a Firenze City, quando un’ombra si mosse furtiva sul tetto di una casa, poi volteggiò sulla cima di una chiesa e infine si appollaiò sul campanile più alto della città. Per un istante – ma solo per un istante, mi raccomando – la fioca luce di un lampione baluginò su un volto mascherato: ebbene sì, era lui – rullo di tamburi e kazoo – l’unico, inimitabile, fantasmagorico Supermegaboy! Il quale Supermegaboy disse una frase adatta al momento: «È notte» e poi scomparve ancora lungo una grondaia. Di solito nella testa dei supereroi ci sono tanti pensieri, ma nella testa di Supermegaboy ce n’era solo uno: raggiungere l’Old Palace, liberare la povera Geronima Pepper, farla pagare al sindaco Maramao Babonzi, poi passare a Brutus Dexter, ricercare Adalberto e Guendalina... Ma questo pensiero divenne troppo gravoso per Supermegaboy, che perse la concentrazione e rovinò su una siepe d’alloro. Ma niente poteva fermarlo, e così il nostro eroe disse a se stesso che era meglio smettere di pensare, e con gran sollievo si accorse che questo gli riusciva benissimo. E così, rinvigorito e sorridente, Leggi tutto →