Monthly Archives: giugno 2015

All’Old Palace di Firenze City, Maramao Babonzi e Brutus Dexter pensano a come uccidere il pirricchio.

Intanto i nostri eroi, seguendo i chakra della Terra, vengono lanciati in luoghi diversi del pianeta.

Guendalina Mistery si ritrova in una bettola di Bangkok, durante un incontro tra galli.

Adalberto Nabucco si ritrova a Oslo, tra i relatori di una conferenza dedicata al ripopolamento degli ungulati.

Supermegaboy si ritrova a Pamplona, durante le prove della corsa dei tori.

“Ehi, ragazzi mi sentite?” li chiama Guendalina con il superphone. “Io sto andando all’aeroporto per tornare in Italia”

“Io, ehm, non so come liberarmi” risponde Adalberto, a cui hanno passato il microfono.

“Acc! Aio! Anch’io ho qualche problemaaaaaaa” urla Supermegaboy.

“Accidenti, c’è lo sciopero” dice Guendalina. “Ragazzi, io sono bloccata qui, mi leggerò una rivista. Il futuro della Terra è nelle vostre mani”

 

 

In una stanza segreta dell’Old Palace, a Firenze City, Maramao Babonzi e Brutus Dexter hanno assistito allo schianto dell’astronave.

“Evviva” esulta il sindaco. “Così in un colpo solo ci siamo liberati di due supereroi e di un genio informatico”

“Uhm, fossi in te aspetterei a cantare vittoria” risponde Brutus Dexter.

“Oh, no” piange disperata Geronima Pepper. “Povero Supermegaboy, boh, boh, boh”

“Ehi ma cos’è quello?” dice Brutus avvicinandosi al monitor.

“Molto strano, se queste immagini non giungessero dallo spazio, direi che si tratta di una specie di pecora”

“Dev’essere quello strano animale che seguiva Adalberto” dice Maramao. “A quanto pare si è salvato”

“Non per molto” ride Brutus. “Darò ordine ai miei soldati di ucciderlo”

“Non rimarrà niente di quei bastardi, ah, ah, ah, ah”