Monthly Archives: marzo 2015

“Allora!” esclama Adalberto, “Secondo voi per partire bisogna pigiare il tasto rosso oppure quello verde?”

“Io proverei con questo!” esclama Supermegaboy allungando la mano. Ma il movimento improvviso impaurisce il Pirricchio.

“Oh, no!” esclama Supermegaboy. Intanto il Pirricchio comincia a saltare dappertutto.

Finché una zampa dell’animale colpisce il pannello di controllo.

Il fuoco esce dai reattori dell’astronave. Il rumore si fa infernale. Gli astronauti stanno per partire per la loro missione.

Un istante dopo, l’astronave sfreccia nella troposfera, portandosi dietro i nostri eroi. La sua destinazione è l’asteroide.

All’interno dell’astronave, la gravità si fa sempre più debole e i viaggiatori cominciano a volare dappertutto.

“Dobbiamo organizzarci” esclama Adalberto. “Proverò a cercare il modo d’inserire lo stabilizzatore di gravità e il pilota automatico”

D’improvviso una voce. “Buongiorno, sono il vostro computer di bordo. Penserò a tutto io, mettetevi comodi e godetevi il viaggio. Mi chiamo HAL 9001”

 

 

 

Adalberto, Supermegaboy e Guendalina indossano le tute spaziali. “E va bene, hai vinto tu, saliremo sull'astronave, distruggeremo il meteorite e salveremo il mondo”.

“Non provate a fare scherzi altrimenti ucciderò Geronima Pepper” esclama Maramao Babonzi, “E adesso partite!”

I tre eroi raggiungono l’astronave. “Dammi le chiavi che guido io” dice Adalberto, “Quand’ero alla Misericordia, portavo le ambulanze”

“Va bene” risponde Guendalina. “Io però voglio stare seduta nel senso di marcia altrimenti mi sento male”

“Io invece voglio il finestrino aperto sennò mi viene da vomitare” dice Supermegaboy. “Tanto per il freddo c’ho il piumino”

“Adesso basta!” esclama Adalberto. “Mettetevi seduti, datevi la mano e fate silenzio! Io intanto devo capire come si guida questo trabiccolo!”

Intanto Maramao Babonzi è al telefono. “Caro Brutus Dexter, ho fatto come mi hai detto. Loro non lo sanno, ma questa sarà la loro ultima missione”

“Non hanno il carburante per tornare indietro” ride Babonzi, “Addio Supermegaboy, addio Adalberto! Ah ah ah ah”

“Addio!” esclama Geronima Pepper scappando dalla presa delle guardie. “Partite e tornate vincitori. Il destino del mondo è nelle vostre mani”