Daily Archives: 5 gennaio 2015

ATTO 03

L’avaro Adalberto Scrooge è sempre più spaventato. ‘Basta, pietà di me!’ piagnucola. ‘Ho imparato la lezione!’. All’improvviso compare il fantasma del Natale futuro: il temibile Brutus Dexter, che gli mostra cosa accadrà se lui non diventerà buono e generoso. Senza soldi per il riscaldamento e l’acqua calda, Berta Pepper morirà assiderata in bagno. Suo fratello Tiny Rufus, senza cure mediche, contrarrà il virus ungulate morbis, e si trasformerà in uno gnu. I Cantori di Natale, senza soldi, non potranno comprare alcolici e provocheranno disordini e tafferugli in centro. ‘Oh ti prego’ si dispera Adalberto Scrooge ‘Basta, è terribile!’. Brutus Dexter lo conduce in un cimitero e gli indica una lapide. Ma Adalberto non vuole leggere. ‘Ho paura’ dice. Allora il fantasma escogita uno stratagemma per fargli aprire gli occhi. ‘Guarda, c’è un euro in terra’ esclama. Scrooge si gira a guardare e legge il suo nome sulla lapide: è disperato! Adalberto Scrooge si sveglia nel suo letto. È giorno e lui è ancora vivo! Si veste e scende giù in strada a lanciare i suoi dobloni. Tutti lo accolgono con un sorriso. ‘Buon Natale!’ C’è anche Tiny Rufus, che gli sale sulle spalle. ‘Buone feste! E che Dio benedica tutti quanti!’

FINE